Caro bollette, da ottobre aumenti del +59% per l’energia elettrica per le famiglie nel mercato tutelato.

Dal primo ottobre 2022, si registrerà un aumento del costo per l’energia elettrica per le famiglie nel mercato tutelato con una variazione della spesa complessiva del +59% rispetto al trimestre precedente.


1 BOLLETTE ENERGIA AUMENTORedazione, 30 settembre 2022 – lo ha annunciato l’Arera – l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente – che ha aggiornato le tariffe per il quarto trimestre del 2022.
Tale variazione è dovuta, per la parte riguardante la spesa per la materia energia, all‘incremento della componente PE a copertura dei costi di acquisto dell’energia elettrica (+59,6%), cui si aggiunge un leggero decremento della componente PD a copertura dei prezzi di dispacciamento (-0,6%) resta,
invece, invariata la componente PPE per il corrispettivo di perequazione.

Dal 1 ottobre si potrà introdurre “una periodicità di fatturazione mensile per il servizio di tutela, almeno per i clienti finali con soglie di consumo più elevate (come nel caso di clienti che usano il gas per riscaldamento) e almeno per il semestre invernale da ottobre a marzo”. È quanto si legge in una delibera di Arera sulla disciplina funzionale per la nuova modalità di determinazione delle condizioni economiche di fornitura del gas per il servizio di tutela a decorrere dal 1 ottobre 2022.

Dal 1° ottobre 2022, il prezzo di riferimento dell’energia elettrica per il cliente tipo sarà di 66,01 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse, così suddiviso:

Spesa per la materia energia:
• 53,45 centesimi di euro (81% del totale della bolletta) per i costi di approvvigionamento dell’energia, in aumento del 71% rispetto al terzo trimestre 2022;
• 1,91 centesimi di euro (2,9% del totale della bolletta) per la commercializzazione al dettaglio, invariato rispetto al terzo trimestre 2022.
Spesa per il trasporto e la gestione del contatore:
• 3,85 centesimi di euro (5,8% del totale della bolletta) per i servizi di distribuzione, misura, trasporto, perequazione della trasmissione e distribuzione, qualità; invariato rispetto al terzo trimestre 2022.
Spesa per oneri di sistema:
• 0 centesimi di euro (0% del totale della bolletta) per la spesa per oneri di sistema, azzerata come nel terzo trimestre 2022.
Imposte:
• 6,80 centesimi di euro (10,3% del totale della bolletta) per le imposte che comprendono l’IVA e le accise.

2 ENERGIA AUMENTI E VALORI TRIMESTRALI

Anche per il IV trimestre 2022 il Governo, con il decreto-legge n. 115/22, ha disposto misure per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, con lo stanziamento di ulteriori risorse (pari, per il settore elettrico, in relazione agli oneri generali, a 1,1 miliardi di euro).
È stato pertanto possibile confermare anche per il IV trimestre 2022 l’annullamento, per tutti gli utenti elettrici, delle componenti ASOS e ARIM già operato nel I, II e III trimestre 2022.

Lascia un commento

Top