AUTOVELOX MOBILE SULLA STATALE 106 A MELITO DI PORTO SALVO. PIOGGIA DI CRITICHE DA PARTE DI TURISTI E PENDOLARI .

vinci quotidianiTRAPPOLE PER TURISTI E PENDOLARI. Posizionano gli autovelox in periferia e lungo la Statale 106  e  non in centro dove ce ne sarebbe maggior bisogno per la sicurezza dei cittadini e dove risulta carente, se non addirittura assente, la segnaletica orizzontale e verticale, senza contare la obiettiva pericolosità e le insidie  rappresentate dalle strade dissestate .”

Questi, in sintesi i commenti di cittadini e automobilisti sull’attivazione un autovelox mobile sulla statale 106 .

L’entrata in funzione di questi strumenti è stata resa nota , con un post sulla propria pagina Facebook, dalla Polizia Locale di Melito di Porto Salvo . “Tenuto conto dell’alta sinistrosità che interessa la Strada Statale 106 – si legge nel messaggio –  e al naturale aumento del flusso veicolare che compete la suddetta arteria, nel tratto ricadente il territorio Comunale di Melito di Porto Salvo, durante il periodo estivo, sarà attivato un servizio di controllo elettronico della velocità con modalità postazione mobile, a partire dal giorno 06 Luglio 2021”.

Non mancano i commenti e le critiche, da parte dei cittadini,  al provvedimento e al  post della Polizia  Locale. C’è chi chiede  di controllare i parcheggi nel centro abitato , chi invece chiede maggiore attenzione alle tante persone che percorrono la via sbarre in controsenso, vuoi perché vi è una segnaletica stradale poco visibile prossimità della stazione di servizio Agipchi , ancora, riporta di essersi  rivolto ai commissari per rigenerare le strinse pedonali ma questi continua il posthanno fatto orecchie da mercante come hanno fatto orecchie da mercante per agevolare l’accesso al mare hai disabili , chi testualmente scrive: “I limiti di velocità vanno rigidamente rispettati. Bisognerebbe però impegnarsi anche per poter permettere, in sicurezza, una velocità maggiore su questa strada:- miglioramento illuminazione, in alcuni tratti INESISTENTE; – chiusura di tutti gli svincoli e uscite illegali;- messa in sicurezza di tutti gli incroci attraverso corsie di avviamento e rotonde”.

Non manca, e non poteva mancare, il post di sollecito sul reale pericolo rappresentato dallo svincolo di Pilati:  “Mi auguro ce ne sia uno allo svincolo di Pilati, perché quello è il tratto più pericoloso in assoluto, tenendo conto che siamo chiusi lì in quella frazione in quanto il ponte è sbarrato (e chissà quanto verrà riaperto) e lo svincolo resta l’unica via di uscita e di entrata. Spero vivamente ci siano più controlli in quel punto. Grazie”

Nel video, realizzato dalle nostre telecamere, si nota –  percorrendo la S.S. 106, direzione Taranto Reggio Caluna postazione mobile di apparecchio autovelox  su un tratto di strada rettilineo, lontano e opposto al pericoloso  bivio di Pilati, si può  notare, inoltre,  la presenza di due  vigili appartenente al Corpo di Polizia Municipale del Comune di Melito di P.S. e  l’autovettura di servizio .  Pochi metri prima della postazione mobile di rilevamento della velocità, un segnale stradale indica il divieto di 50 Km orari.

Ora , senza voler entrare nel campo delle polemiche, ci sembra giusto e doveroso esprimere alcune  perplessità ed elementari domande e  considerazioni.

Vero è, che Il territorio è molto frequentato dai reggini soprattutto nei weekend, quindi, è doveroso per le autorità muoversi  sul piano della prevenzione degli incidenti. Tuttavia, l’avere una strada di grande comunicazione che attraversa il proprio territorio, non solo non  deve essere considerata alla stregua di una gallina dalle uova d’oro, ma, non deve neppure disincentivare il turismo, posizionano gli autovelox lungo la Statale e non in centro dove ce ne sarebbe maggior bisogno per la sicurezza dei cittadini. A meno che , l’obiettivo finale sia disincentivare quel  poco turismo rimasto.

Ed ancora, considerato che, ai fini della sicurezza della circolazione e della tutela della vita umana,   i limiti di velocità massima imposti articolo 142 C.d.S. ,  per le strade extraurbane secondarie e per le strade extraurbane locali è di 90 km/h , ne consegue che  sulla   strada statale 106, la postazione Mobile della Polizia Municipale per il controllo della velocità , non potrebbe  elevare, con l’utilizzo dello strumento estraneo alla legge,  sanzioni al di sotto di questo limite.  Non comprendiamo, quindi, ad esempio,  la postazione individuata dagli agenti con l’autovelox mobile ( video , ) in un tratto dove il limite è di 50 Km/h, atteso che  la collocazione dello strumento ed il limite imposto sul tratto, non rientri nelle facoltà decisionali delle amministrazioni comunali, bensì dell’ente proprietario della strada (Anas). Inoltre, la postazione Mobile della Polizia Minicipale , non è stata messa al bivio di Pilati, unica arteria di  ingresso e uscita da una frazione emarginata con la chiusura del  ponte di Pilati ,la cui pericolosità, in questo periodo estivo si è accentuata,   ma  a distanza di circa 300 metri e sul lato opposto, in un tratto di strada lontano dai fabbricati, quotidianamente percorso da pendolari e mezzi di trasporto,  in un rettilinio dove il limite e’ a 50 km/h,  senza incroci e/o immissioni ed in cui la carreggiata e’ limitata da guard-rail, invisibile di notte,  perchè coperto da sterpaglie e da una fitta vegetazione.

Infine, al di la della legittimità o meno dell’autovelx  e/o   dell’ottempenza a quanto previsto  dal C.d.S. e dai criteri della circolare Minniti del 2017, e senza troppo entrare nella polemica apparsa sui social, ci sia consentita una domanmda e   un’ultima considerazione.

La domanda : Perchè non prestare maggiore attenzione alle zone abitate del territorio comunale ???

La considerazione: Melito è un paese sempre di più chiuso, abbandonato e degradato. Un paese  con un mare bellissimo ma irraggiungibile . Se si arriva con il treno, il mare non si può raggiungere perche i sottopassi sono chiusi ,  se  si decide di andare da Melito a Pilati, non si può  perchè  è chiuso il Ponte,  e se, invece,  si decide di arrivare dalla superstrada con la propria autovettura, si rischia una multa per eccesso di velocità.

E si’, ci sanno proprio fare a Melito ad attirare i turisti!

Lascia un commento

Top