IL COMMISSARIO DI FRATELLI D’ITALIA GIUSEPPE SALVATORE MINNITI SULLE PROSSIME ELEZIONI AMMINISTRATIVE NEL COMUNE DI MELITO DI PORTO SALVO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
TOTò MINNITIDa commissario di Fratelli D’ italia colgo l’occasione di fare alcune considerazioni in vista delle prossime elezioni amministrative nel comune di Melito di Porto Salvo.
Credo che sia sotto gli occhi di tutti ciò che questo comune eredita da un’azione amministrativa che negli ultimi vent’anni ha fatto acqua: scioglimenti, arresti, dissesto finanziario e degrado urbano. Negli ultimi quattro anni e mezzo di legislatura, abbiamo assistito ad un declino amministrativo probabilmente dovuto da un lato all’esiguità di chi ha provato a distinguersi con impegno e serietà, al cospetto di chi ha vestito i panni di consigliere comunale o ha fatto parte dell’esecutivo e ha dato prova della più totale incapacità di azione e di risoluzione delle ataviche problematiche.
A mio modesto avviso va sottolineato, che in questo disastro, una parte della minoranza che ha rappresentato l’ultimo consiglio comunale, non ha fatto altro che sparare sulla croce rossa ottenendo pochi benefici per il paese e avvelenando ancora di più il tessuto sociale seminando odio e malessere. Se da un lato la maggioranza sfoderava un esecutivo inconcludente, se non per qualche nome che si è distinto, dall’altra, abbiamo assistito ad una parte di opposizione inadeguata da tutti i punti di vista basta pensare all’incapacità, a titolo di esempio, di convocare, in quattro anni e mezzo, un consiglio comunale per affrontare nella sede preposta uno dei tanti problemi del paese. Abbiamo assistito ad un teatrino messo in scena con il chiaro obiettivo di ripresentarsi alle elezioni per dimostrare l’essere migliori e politicamente più incisivi, ma giunti ai nastri di partenza l’ex minoranza ha sancito il suo totale fallimento con la non presentazione della lista alla competizione elettorale arrecando un danno enorme al paese: ha contribuito, dopo aver avvelenato gli animi per anni, a lasciare Melito senza un’amministrazione democraticamente eletta.
Un dato che fa rabbrividire è quello dell’assenza dalla recente competizione di molti soggetti politici di Melito o di coloro che si definiscono tali: hanno dimostrato incapacità, poco coraggio, poca visione politica e soprattutto poco attaccamento al proprio paese.
Fatta questa considerazione doverosa, ritengo che Melito meriti altri attori, personalità che abbiano lucidità e visione politica ben definita per affrontare le difficoltà che un comune, come già detto in dissesto, presenta ogni giorno. Mi sento di consigliare fin da subito di iniziare a lavorare con una squadra e prepararsi al prossimo appuntamento elettorale con la consapevolezza che amministrare voglia dire servire ed essere pronti a cercare soluzioni alle necessità dei cittadini: soluzioni vere, concrete e che valgano per tutti; vedi, ad esempio, il problema rifiuti. Essere supportati dalla politica regionale in merito
all’Ospedale, iniziare a ragionare sul problema tributi ed essere vicini alle tasche dei padri di famiglia, evitare che ogni anno vengano recapitati i medesimi bollettini relativi sempre agli stessi anni, correggere la banca dati, fare un lavoro certosino a vantaggio dei molti ed uguale per tutti, evitando che la gente si rivolga all’amico di turno per la risoluzione di una controversia su un tributo e si senta poi in obbligo di ringraziare qualcuno! Il pagamento dei servizi è un dovere, avere la situazione debitoria chiara e precisa è un diritto del contribuente.
Concludo facendo un appello a tutti e invitando ad una lunga riflessione: la situazione oggettivamente impone e credo sia arrivato il momento di mettere al primo posto il paese; per fare questo serve maturità e serietà, niente più improvvisazione. La Politica ai vari livelli deve dare una mano importante a questo paese.

IL COMMISSARIO DI FRATELLI D’ITALIA

Lascia un commento

Top