Lungomare dei Mille a Melito di Porto Salvo al buio da mesi e senza manutenzione

“Profonde tenebre” nel tratto Camping La Zagara – Stella Marina. Vacanzieri costretti a utilizzare la “lanterna magica”


Se entro il 30 giugno l’illuminazione sul lungomare non sarà ripristinata alcuni cittadini, proprietari di residenze estive, si rivolgeranno alla Procura. Questa – hanno dichiasato-  è interruzione di pubblico servizio e non si può più tollerare una situazione di questo genere“

 Melito di Porto Salvo, 23 giugno 2020 –Lo scenario del lungomare, dopo il tramonto, è quasi surreale. La luce è davvero poca e anche fare una passeggiata incute paura. Ci sono quasi tutte le lampade non funzionanti perché fulminate da molto tempo.


Viaggiando di notte, su questo tratto di Lungomare, colpisce la visione improvvisa di alcune “lanterne magiche” , appese come grappoli nell’oscurità: la loro invenzione, che nella simbologia antica può rappresentare la vita e l’uomo, appartiene all’immaginazione ed alla creatività di un operatore turistico del lungomare. Quando le notti diventano buie, i clienti del suo locale possono usufruire della luce delle lanterne magica.

A segnalare i disagi, alcuni residenti della località balneare di Melito, sempre molto frequentata soprattutto nel periodo estivo.
Il lungomare – hanno detto – dovrebbe timbrare il cartellino dell’appetibilità turistica ma il buio in cui versa il  a Melito di Porto Salvo da quasi un anno è diventato abissale ed il silenzio dell’amministrazione a riguardo è davvero imbarazzante.
Questa volta oggetto di segnalazione riguarda il tratto Camping La Zagara – Stella Marina, ma il racconto dettagliato fornitoci da operatori turistici, cittadini e villeggianti è stato nulla a fronte delle tenebre che ci siamo trovati davanti nel momento in cui siamo andati sul posto con le nostre telecamere. Una situazione di fortissima criticità che non tutela i residenti e i vacanzieri e mette a repentaglio la pubblica incolumità.

In questo tratto ci sono villaggi turistici e locali estivi che sono costretti a lavoriamo al buio da mesi. “Abbiamo più volte fatto presente la questione agli uffici competenti – hanno dichiarato – ma a distanza di settimane non è cambiato nulla. “La preoccupazione maggiore – aggiunge – è che anche quei pochi clienti che vengono in macchina non tornino più perché il buio favorisce i furti nelle auto e microcriminalità.
Ma la pazienza ha un limite specie quando si tratta di pubblica sicurezza. Un conto è non avere i cestini porta rifiuti a portata di mano o le panchine su cui sedersi per ammirare il panorama, un altro è vivere al buio o fare la gimcana tra strade sconnesse e polverose che di notte diventano ancora più pericolose.”
Se qualcuno si fa male chi paga? O diventa vittima di qualche azione criminosa o peggio ancora accade l’irreparabile, di chi è la responsabilità? E un eventuale risarcimento è sufficiente per restituire serenità alle vittime di danni legati a questi disservizi?
L’arrivo della stagione estiva, ha portato molta gente proprietaria di residenze estive a trasferirsi al mare nonostante l’esistenza dei numerosi disagi. Questa sarà una stagione difficile, nella quale, oltre alle difficoltà legate al Coronavirus, si conteranno più i disservizi che i comfort. I residenti seppur a malincuore sarebbero anche pronti a sopportare i tanti disagi legati all’incuria e alla sporcizia. Ma le strade al buio non si tollerano.
Quici ha dichiarato un nostro collega giornalista, proprietario di una residenza estivaè questione di sicurezza pubblica, di priorità, non si può vivere al buio, la gente cade, si fa male, è spaventata. Ci sigilliamo in casa per paura di qualche incursione notturna ma è pericoloso anche uscire da casa e rientrarvi, non si vede nulla. Se entro il 30 giugno l’illuminazione sul lungomare non sarà ripristinata mi rivolgerò alla Procura. Questa è interruzione di pubblico servizio e non si può più tollerare una situazione di questo genere“

Qualcuno dovrà pur intervenire in merito a tale scempio. Melito é in ginocchio e i cittadini  dicono BASTA!!!”.

Lascia un commento

Top