L’ASP DI REGGIO CALABRIA SCIOLTA PER INFILTRAZIONI DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

asp-reggioIl Consiglio dei ministri ha deliberato, su proposta del prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari e all’esito dell’accesso antimafia eseguito nei mesi scorsi , lo scioglimento dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria per infiltrazioni della ‘ndrangheta.
La commissione è composta da composta dal Giovanni Meloni, da Maria Carolina Ippolito e da Domenico Giordano.
Nel luglio scorso, l’Asp era stata commissariata e negli uffici dell’azienda era arrivata una triade di ispettori che ha passato al setaccio appalti, bandi, gare, convenzioni.
“Lo scioglimento dell’ASP di Reggio Calabria per infiltrazioni mafiose conferma il quadro che ho descritto giorni fa. Il governo non fa un passo indietro e continua il suo impegno per cambiare radicalmente la sanità calabrese a dispetto di chi si avvantaggia di questa situazione” ha twittato la ministra della Salute Giulia Grillo, che la scorsa settimana, al termine di una visita negli ospedali reggini, ha annunciato “un decreto per affrontare la situazione della sanità pubblica in Calabria contenente diverse misure, compresa la sostituzione dei vertici delle Asp e delle Aziende ospedaliere, e se necessario dei direttori sanitari”.

Lascia un commento

Top