I MIRACOLI DEL “ROSATELLUM” SALVANO MARCO MINNITI, LAURA BOLDRINI, MATTEO ORFINI, MARTINA, BERSANI, DARIO FRANCESCHINI, ROBERTA PINOTTI, VALERIA FEDELI, ANDREA ORLANDO E TANTI ALTRI BIG, TUTTI SCONFITTI ALL’UNINIMINALE.

Travolti dalla Valanga Cinquestelle e dalla slavina della Lega, ripescati, miracolati e tratti in salvo dai soccorsi del “collegio plurinominale” del “sistema” Rosatellum.

cameraGuai ad andare a sciare in zone ad alto rischio valanghe senza i soccorsi del “sistema”. No, non centrano gli sport invernali in montagna a meno di non considerare anche la candidatura un’impresa di montagna ad alto rischio.
A differenza del ritardo dei soccorsi nella valanga di Rigopiano,  che l’anno scorso, ha investito l’albergo Rigopiano causando ventinove vittime, i tempestivi soccorsi del “collegio plurinominale” del “sistema” Rosatellum, hanno ripescato, miracolato e salvato, numerosi Ministri e Big della politica italiana travolti e sepolti dalla slavina Cinquestelle del 4 marzo.
Eppure, come per la traghedia di Rigopiano del 2017, la slavina a Cinquestelle del 4 marzo, è stata, tra le più gravi valanghe avvenuta in Italia nel 1993 con la dissoluzione del sistema “Prima Repubblica”.

I tempestivi e miracolosi soccorsi del “Rosatellum”, salvano Marco Minniti, Laura Boldrini, Matteo Orfini, Martina, Bersani, Dario Franceschini, Roberta Pinotti, Valeria Fedeli, Andrea Orlando e tanti altri big, tutti sconfitti all’uninominale.

Probabilmente, Di Maio parlando di terza Repubblica, non ha tenuto conto della “chimica politica” del “Rosatellum-plurinominale” , capace di riesumare le mummie e sostituire i pezzi di nuovo con i pezzi di antico.

Lascia un commento

Top